Restart, spazio ai diritti, alle speranze e ai sogni dei più giovani

“Siamo arrivati a Roma con “daSud”, con l’intenzione di raccontare una parte del paese che i poteri centrali hanno per tanto tempo dimenticato. Invece, abbiamo osservato che quel tipo di realtà era già sotto gli occhi di tutti. La mafia andava combattuta a Roma. Ma per anni, nessuno ha mai voluto vedere. Oggi abbiamo portato il Festival dell’Antimafia nel cuore di Roma”. Apre con queste parole forti, Danilo Chirico, l’ultima giornata del Festival della Creatività Antimafia, la seconda in cui l’Autorità Garante per l’Infanzia e l’adolescenza ha partecipato con lo stand di Sarai Teens Digital Radio e la presenza del Garante Vincenzo Spadafora.

Legalità, diritti, idee per ripartire, comunità, responsabilità. Ma anche infanzia. Questi i temi al centro della giornata, tra il palco di RestartTalk e lo stand di Radio Sarai con i suoi tanti ospiti, dall’assessore alla legalità di Roma Capitale Alfonso Sabella al presidente di Terra Onlus Fabio Ciconte, dal deputato Claudio Fava al giornalista Giovanni Tizian.

Una giornata che ha segnato per “daSud” e per l’impegno antimafia un nuovo punto di partenza. Di ripartenza. Come ha sottolineato il presidente della commissione parlamentare antimafia Rosy Bindi, ora devono ripartire altri dieci anni di lotta, diversa, su nuovi fronti, con rinnovate modalità per vincere lo spirito negazionista che si sta diffondendo.

Tanto spazio poi ai diritti, alle speranze, ai sogni dei più giovani in tempi difficili e territori di mafie. Su questo si è incentrato il discorso del Garante Spadafora che ha sottolineato come il nostro paese richieda “ai ragazzi di essere fin troppo creativi per superare limiti, ostacoli e difficoltà, laddove deve essere lo Stato a incentivare, sostenere e stimolare. Siamo il paese che di più, negli ultimi dieci anni, ha tagliato fondi per il terzo settore, per le politiche sociali, per le famiglie e per le associazioni.”

“Legalità fa rima con?” questa, poi, la domanda rivolta agli ospiti dei ragazzi di Sarai Teens Digital Radio. “Legalità fa rima con lealtà”, ha risposto Spadafora. “Nel senso di essere corretti e rispettosi degli altri. Si testimonia la legalità anche nella vita quotidiana con piccoli gesti. Mentre per Claudio Fava, intervenuto ai nostri microfoni, “legalità non fa rima con felicità. Ma è il tempo delle responsabilità. Una parola che ti rimette uomo tra gli uomini”.

Sarai al Festival della creatività antimafia - 2° giorno

 

 

Condividi